Tszyan-Kanchzen: cetriolo al gusto di melone e la via del ringiovanimento

Anton Sheikh-Fedorenko
In altri nostri post, abbiamo descritto come il professor Luc Montagnier, così come altri scienziati, hanno dimostrato la possibilità di trasferire informazioni sul DNA all'acqua utilizzando un campo elettromagnetico. Molto prima, negli anni '60, un medico sovietico-cinese di nome Dr. Tszyan-Kanchzen, stava già studiando il trasferimento di informazioni genetiche tra diverse specie biologiche esclusivamente utilizzando un campo elettromagnetico. La sua ricerca lo ha portato all'osservazione che il DNA memorizza il codice genetico che fornisce un collegamento tra le generazioni, e che il campo elettromagnetico può cambiarlo. Questo post descriverà alcuni degli esperimenti che ha condotto insieme ai risultati sensazionali.


Setup sperimentale utilizzato


Il Dott. Tszyan-Kanchzen ha sviluppato un dispositivo, che ha chiamato "Biotron", in grado di trasferire informazioni sul DNA da un organismo biologico vivente ad un altro attraverso un campo elettromagnetico. In sostanza, l'organismo "donatore" era posto su un lato della camera e l'"accettore" sull'altro lato. Durante un esperimento, il campo elettromagnetico viaggiava attraverso l'organismo donatore e poi raggiungeva l'accettore (Fig. 1).

Fig. 1. Rappresentazione schematica del setup sperimentale: 1) generatore di campo elettromagnetico; 2) propagazione del campo elettromagnetico da sinistra a destra; 3) posizionamento dell'organismo donatore; 4) posizionamento dell'organismo accettore; e 5) camera.



Esperimento #1: Studio sugli animali con anatre e polli


Questi esperimenti sono stati condotti nel 1961 a Shenyang, Cina e lo scopo era quello di vedere se era possibile trasferire informazioni genetiche dalle anatre ai polli utilizzando un campo elettromagnetico. Nel protocollo sperimentale, le anatre sono state utilizzate come donatori e le uova di gallina da cova erano gli accettatori. Un totale di 1.100 uova sono stati utilizzati per lo studio - 500 uova sono stati trattati e 600 erano non trattati (cioè il gruppo di controllo). Delle 500 uova trattate, 480 uova si sono schiuse e di queste, l'80% aveva la testa piatta, a forma di anatra, il 90% aveva uno spostamento nella posizione dell'occhio e più del 25% aveva delle fettucce tra le dita dei piedi (Fig. 2). Questi cambiamenti non sono stati osservati nel gruppo di controllo. Di conseguenza, questo studio ha illustrato che era possibile modificare le uova di gallina utilizzando onde elettromagnetiche che trasportano informazioni sul DNA delle anatre.

Fig. 2. Immagini ottenute prima e dopo il trattamento di uova di gallina con onde elettromagnetiche che trasportano informazioni DNA anatra: a) uova di gallina prima del trattamento, b) nati "pollo-anatra" dopo il trattamento, e c) close-up delle dita dei piedi che mostrano fettuccia per le uova trattate.


Esperimento #2: Studio sulle piante con grano e mais


Questi esperimenti sono stati eseguiti nel 1979 in Russia e lo scopo era quello di indagare se era possibile trasferire informazioni genetiche dal grano al mais utilizzando un campo elettromagnetico. Nella configurazione sperimentale, le piantine di grano sono stati utilizzati come donatori e grani di mais germogliati erano accettatori. I dati hanno mostrato che il mais ha acquisito le caratteristiche del grano - tra i 7.000 chicchi di mais trattati, più del 55% aveva steli laterali e più del 23% aveva pannocchie speciali (Fig. 3). Oltre a una normale pannocchia di mais, si è formata una spiga unica con chicchi che assomigliano sia al mais che al grano. Inoltre, il mais trattato è stato considerato più resistente poiché la resa è aumentata del 30% rispetto al gruppo di controllo. Tutti i cambiamenti osservati sono stati trasmessi alle generazioni successive e questi esperimenti sono stati condotti per 10 anni.

Fig. 3. Gli effetti del trasferimento di informazioni dal grano al mais usando un campo elettromagnetico: a) lo sviluppo di steli laterali sul mais; e b) grani che assomigliano sia al mais che al grano.



Esperimento #3: Studio delle piante con melone e cetriolo


Questi esperimenti sono stati condotti nel 1979 in Russia e lo scopo era quello di indagare se era possibile trasferire informazioni genetiche dal melone ai cetrioli utilizzando un campo elettromagnetico. Nella configurazione sperimentale, le piantine di melone sono state utilizzate come donatori e i semi germogliati di cetriolo come accettori. Un totale di 8.000 piantine di cetriolo sono state utilizzate - 4.000 sono state trattate e 4.000 non sono state trattate (cioè il gruppo di controllo). Dei cetrioli trattati, il 94% era a forma di uovo. Inoltre, i cetrioli trattati avevano un sapore di melone. Questi cambiamenti non sono stati osservati nel gruppo di controllo. In termini di resa, c'è stato un aumento del 40% per il gruppo trattato rispetto al controllo. Tutti i cambiamenti osservati sono stati trasmessi alle generazioni successive e questi esperimenti sono stati condotti per 15 anni. 

 

Esperimento #4: Studio sulle piante con grano ad alto rendimento e a basso rendimento


Questi esperimenti sono stati condotti nel 1983 in Russia e lo scopo era quello di aumentare la produzione di grano a bassa resa. Nella configurazione sperimentale, le piantine di una varietà di grano ad alta resa sono state usate come donatori e i semi germinati di grano a bassa resa come accettori. Sono state utilizzate un totale di 10.000 piantine di grano - 5.000 sono state trattate e 5.000 non sono state trattate (cioè il gruppo di controllo). I risultati hanno indicato che per quanto riguarda la morfologia delle piante e la resa, non c'era una differenza significativa tra i gruppi trattati e quelli di controllo.


Esperimento #5: Studio sulle piante con mais e grano a bassa resa


Questi esperimenti sono stati condotti nel 1984 in Russia e lo scopo era quello di aumentare la produzione di grano a bassa resa. Nella configurazione sperimentale, le piantine di mais sono state usate come donatori e i semi germinati di grano a bassa resa (lo stesso tipo usato nell'esperimento #4) sono stati accettati. Un totale di 8.000 piantine di grano sono state utilizzate - 4.000 sono state trattate e 4.000 non sono state trattate (cioè il gruppo di controllo). I dati hanno mostrato che c'è stato un aumento del 40% della resa per il gruppo trattato rispetto al controllo. Questo cambiamento è stato trasmesso alle generazioni successive.


Esperimento #6: Studio sugli animali con diverse piante commestibili e topi


Questi esperimenti sono stati condotti nel 1987 in Russia e lo scopo era quello di ringiovanire i topi. Nell'impostazione sperimentale, una varietà di giovani piantine di piante commestibili (cioè germe di grano, piselli, mais, orzo e sorgo) sono stati utilizzati come donatori e i topi (età 48 mesi) erano accettatori. Sono stati utilizzati in totale 600 topi - 300 sono stati trattati e 300 non sono stati trattati (cioè il gruppo di controllo). Dei 300 topi trattati, più del 60% mangiava più cibo, correva più velocemente e aveva il pelo più liscio. Inoltre, più del 30% dei topi trattati aveva ripristinato l'attività sessuale e la funzione riproduttiva e la loro aspettativa di vita media era aumentata del 50% (dopo 1,5 anni di esperimento, il 41% dei topi era ancora vivo). Rispetto al gruppo di controllo, solo il 3,7% dei topi ha mantenuto l'attività sessuale e la funzione riproduttiva, e solo il 2,7% è rimasto in vita dopo 1,5 anni di esperimento. Questi risultati illustrano la capacità di ringiovanire i topi utilizzando le onde elettromagnetiche che trasportano informazioni da diverse piante commestibili.


Esperimento # 7: Studio sugli animali con topi giovani e vecchi


Questi esperimenti sono stati condotti nel 1987 in Russia e lo scopo era quello di ringiovanire i topi vecchi. Nell'impostazione sperimentale, i topi giovani sono stati utilizzati come donatori e i topi vecchi (della stessa specie) erano accettatori. Dei 300 topi trattati, non sono stati osservati miglioramenti come quelli visti nell'Esperimento #6. 


Esperimento #8: Studio sugli animali con diverse piante commestibili e topi (effetto biochimico)


Questi esperimenti sono stati condotti nel 1992 in Russia e lo scopo era quello di ringiovanire i topi utilizzando onde elettromagnetiche che trasportano informazioni da diverse piante commestibili e capire il suo effetto biochimico. Nella configurazione sperimentale, una varietà di giovani piantine di piante commestibili (cioè germe di grano, piselli, mais, orzo e sorgo) sono stati utilizzati come donatori e topi adulti erano accettatori. L'analisi biochimica ha indicato che la sintesi del DNA delle cellule cornee è aumentata del 50%, la divisione delle cellule patologiche è diminuita del 41%, la sintesi del DNA dei mielociti è aumentata del 73% e la sintesi del DNA delle cellule tiroidee è aumentata del 66% nel gruppo trattato rispetto al controllo.


Che cosa significa questo?


Da questi esperimenti, il Dott. Tszyan-Kanchzen ha concluso che è possibile trasferire informazioni da un organismo biologico ad un altro attraverso un campo elettromagnetico. Inoltre, ha scoperto che un cambiamento nei tratti ereditari dell'organismo accettante può essere generato solo se il donatore è di una specie diversa. Per quanto riguarda il ringiovanimento, il dottor Tszyan-Kanchzen ha dimostrato che è possibile ringiovanire una specie utilizzando onde elettromagnetiche che trasportano informazioni da varie piante commestibili e che non c'è solo un effetto fisico ma anche un effetto biochimico. Infatti, utilizzando questa tecnica di ringiovanimento, il Dott. Tszyan-Kanchzen ha trattato molti pazienti umani (oltre a se stesso) e ha visto che in media, l'età fisiologica del paziente si è ridotta di cinque anni e mezzo.

Anche se sono necessarie ulteriori ricerche per indagare il meccanismo sottostante coinvolto, il lavoro condotto dal Dott. Tszyan-Kanchzen supporta i benefici del trasferimento di informazioni dalle piante utilizzando un campo elettromagnetico (ad esempio gi ICs) sia per l'agricoltura che per scopi medici. In particolare, l'utilizzo di onde elettromagnetiche sono una grande promessa come mezzo alternativo per migliorare la sicurezza alimentare globale così come la salute.
3
5319