30° Anniversario della "Water Memory"

Anton Sheikh-Fedorenko
Giugno 2018 ha segnato il 30° anniversario da quando il Dott. Jacques Benveniste ha pubblicato un lavoro sensazionale relativo alla "Water Memory". Nella pubblicazione Nature del 1988 intitolata "Degranulazione dei basofili umani innescata da un antisiero molto diluito contro IgE", lui e il suo team internazionale riferirono che i basofili (un tipo di globuli bianchi) potevano essere attivati per causare una risposta quando esposti a soluzioni di anticorpi così diluite da non contenere affatto queste biomolecole. Infatti, i risultati presentati erano stati replicati da scienziati di altri cinque laboratori in quattro paesi diversi. Insieme alla pubblicazione e in modo insolito, l'editore di Nature, John Maddox, scrisse un disclaimer in cui affermava che non esisteva una spiegazione oggettiva per i fenomeni osservati. A causa della reputazione di Benveniste come ricercatore molto rispettato con oltre 300 articoli scientifici relativi all'area della biologia molecolare, la pubblicazione non è stata liquidata subito; tuttavia, il documento è stato sottoposto a una revisione estrema.


Cosa significano questi risultati?


Beh, se i risultati sono veri, rivelano che l'acqua ha "memoria" - cioè, l'acqua è in grado di memorizzare informazioni biologiche delle sostanze con cui è stata in contatto. 


Che impatto avrebbero questi risultati? 


Queste scoperte non solo cambierebbero la visione della medicina, ma i risultati mostrerebbero anche il fondamento scientifico dell'omeopatia. Come si può immaginare, questa pubblicazione e l'idea della "memoria dell'acqua" hanno sconvolto la comunità scientifica e hanno provocato un certo clamore. 


Cosa è successo dopo la pubblicazione? 


Come condizione per la pubblicazione, Nature chiese che gli esperimenti venissero ripetuti di fronte a un gruppo di esaminatori indipendenti che avrebbero cercato di trovare un difetto in essi. Uno studio di follow-up, sotto la supervisione di Maddox, un mago (James Randi), e un esperto di frodi (Walter Stewart), fu condotto e i risultati originali non potevano essere replicati. Benveniste si rifiutò di ritrattare il suo controverso articolo e fu respinto da gran parte della comunità scientifica, privato dell'accesso al laboratorio e licenziato dall'Istituto nazionale francese della salute e della ricerca medica. Tuttavia, nonostante la grande quantità di scetticismo, Benveniste continuò a studiare il fenomeno della "memoria dell'acqua" e dedicò il resto della sua vita a questa ricerca. 


Conferenza su invito al Canvendish Laboratory dell'Università di Cambridge


In relazione al suo lavoro sulla "Water Memory", nel 1997 Benveniste fondò DigiBio, una società per "sviluppare e commercializzare le applicazioni della biologia digitale". Questo nuovo campo che chiamò "biologia digitale" si basava sull'idea che le molecole comunicassero tra loro non per contatto diretto ma per mezzo di un campo elettromagnetico caratterizzato da una certa frequenza.

Nel 1999, il premio Nobel Dr. Brian Josephson invitò Benveniste al Cavendish Laboratory dell'Università di Cambridge per presentare i suoi risultati che dimostravano che i segnali biologici potevano essere registrati, trasmessi via internet e poi applicati all'acqua per ricreare effetti biologici. Josephson è stato citato per dire, "abbiamo invitato [Benveniste] per saperne di più sulla ricerca, che sembra sia scientificamente interessante e potenzialmente di notevole importanza pratica". Ha anche dichiarato: "Jacques ha sicuramente riconosciuto che c'era un problema con la riproduzione dell'effetto. La situazione sembrava essere che in alcune circostanze si aveva la riproduzione e in altre no, ma nel complesso i risultati erano altamente significativi". Josephson ha anche spiegato che crede che la comunità scientifica potrebbe non essere ancora in grado di comprendere appieno i risultati del lavoro di Benveniste e che con il tempo e "quando arriveremo a capire di più sulle proprietà dell'acqua, conosceremo le condizioni necessarie per riprodurre i risultati".


Cosa pensiamo ora?


Il lavoro di Benveniste ha suscitato la curiosità di molti ricercatori, tra cui il premio Nobel professor Luc Montagnier, e negli ultimi 30 anni sono stati pubblicati numerosi articoli scientifici che sostengono i risultati e le idee originariamente riportate nell'articolo di Benveniste su Nature del 1988. Inoltre, i ricercatori hanno anche proposto una teoria per spiegare come e perché l'acqua può fornire l'immagazzinamento di informazioni molecolari specifiche così come la trasmissione di queste informazioni. 

Per ulteriori informazioni, si prega di visualizzare le diapositive che si trovano qui.

Quindi bevete un bicchiere della vostra acqua IC preferita e celebrate la ricerca che ha portato agli IC!
7
10159